Riscatto contributi INPS periodo di laurea

Il riscatto del corso di laurea è un istituto che permette di valorizzare ai fini pensionistici il periodo del proprio corso di studi.


Il riscatto di laurea è valido a condizione che l’interessato abbia conseguito il titolo di studio.

Il servizio è rivolto a tutti coloro che abbiano conseguito il diploma di laurea o titolo equiparato.


Si possono riscattare:

  1. i diplomi universitari, i cui corsi non siano stati di durata inferiore a due e superiore a tre anni;

  2. i diplomi di laurea i cui corsi non siano stati di durata inferiore a quattro e superiore a sei anni;

  3. i diplomi di specializzazione conseguiti successivamente alla laurea e al termine di un corso di durata non inferiore a due anni;

  4. i dottorati di ricerca i cui corsi sono regolati da specifiche disposizioni di legge;

  5. i titoli accademici introdotti dal decreto 3 novembre 1999, n. 509 ovvero Laurea (L), al termine di un corso di durata triennale e Laurea Specialistica (LS), al termine di un corso di durata biennale propedeutico alla laurea.



I periodi che non danno possibilità di riscatto sono quelli:

1.  di iscrizione fuori corso;

2.  già coperti da contribuzione obbligatoria o figurativa o da riscatto che sia non solo presso il fondo cui è diretta la domanda stessa, ma anche negli altri regimi previdenziali richiamati dall’articolo 2, comma 1, decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 184 (Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti e gestioni speciali del Fondo stesso per i lavoratori autonomi e fondi sostitutivi ed esclusivi dell'Assicurazione Generale Obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti e gestione di cui all'articolo 2, comma 26, legge 8 agosto 1995, n. 335).

Il riscatto può riguardare l'intero o i singoli periodi.

Recentemente, il decreto legge 4/2019 ha voluto agevolare il riscatto della laurea, in particolare per le giovani generazioni.

Tra le principali novità segnaliamo:


1. Per gli anni 2019, 2020, 2021 è data la possibilità di riscattare la laurea ad un prezzo agevolato pari a 5.241,30 euro per ogni anno riscattato. L’agevolazione è valida fino al compimento del 45esimo anno di età e i contributi così riscattati saranno validi ai soli fini dell’incremento dell’anzianità contributiva;

2. è prevista, inoltre, una detrazione del 50% sull’onere pagato per il riscatto della laurea per gli iscritti all’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti ed alle forme sostitutive ed esclusive della medesima, nonché alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, e alla gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 e non già titolari di pensione hanno facoltà di riscattare, in tutto o in parte, i periodi antecedenti alla data di entrata in vigore del presente decreto compresi tra la data del primo e quello dell’ultimo contributo, comunque accreditato nelle suddette forme assicurative, non soggetti a obbligo contributivo e che non siano già coperti da contribuzione, comunque versata e accreditata, presso forme di previdenza obbligatoria.


Detti periodi possono essere riscattati nella misura massima di cinque anni, anche non consecutivi.

5 visualizzazioni

Via Emilia Est, 115 - 43123 PARMA  |  P.I. IT01976520344

Dott. Andrea Gemmi iscritto all'Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Parma, sez. A, n. 449

 tel. +39 0521 462 650 -  fax +39 0521 461 160

info@studiogemmi.it 

© 2019, Elf Marketing & Communication - PARMA